info@ecoscavisrl.it
Lunedì - Venerdì 08:00-17:00
(+39) 0776.301043

Conferimento

  • Home
  • Smaltimento Rifiuti Inerti
  • Conferimento

Smaltimento e recupero inerti: come fare

Lo svolgimento dell’attività edile comporta produzione, smaltimento e recupero inerti, rifiuti speciali che devono essere trattati correttamente.

Lo smaltimento di inerti, ovvero i rifiuti prodotti dai cantieri edili a seguito di demolizioni e costruzioni come cemento, laterizi, calcinacci, mattoni, mattonelle o una miscellanea di questi, richiede uno smaltimento appropriato perché questi materiali potrebbero essere contaminati da sostanze tossiche organiche o inorganiche e quindi potenzialmente pericolosi per la salute o per l’ambiente.

I Servizi offerti per il Conferimento

Eco Scavi S.r.l offre diverse tipologie di servizio per rendere il conferimento del materiale inerte sicuro e voloce allo stesso tempo. I seguito tutte le offerte, dal conferimento diretto in impianto al noleggio cassoni per materiali inerti.

Conferimento Privati presso Impianto

Visualizza Delibera

Riceviamo rifiuti inerti direttamente presso i nostri impianti di Cassino e Sant'Elia Fiumerapido secondo i codici CER riportati in tabella. Sarà necessario scaricare il modulo di caratterizzazione dei rifiuti per usufruire degli impianti Eco Scavi S.r.l.

Noleggio e Ritiro Cassoni

Noleggiamo e consegniamo in cantiere cassoni inerti per demolizioni e/o lavori edili di ogni tipo.

Demolizioni Scopri di più

Effettuiamo operazioni di Demolizioni per fabbricati di piccole, medie e grandi dimensioni.

I Rifiuti accettati

I Nostri impianti sono in grado di accettare ogni tipo di rifiuti inerti, le tabelle CER per gli impianti di Cassino e Sant'Elia Fiumerapido indicano tutti i codici ma per maggiori informazioni è possibile consultare la documentazione in download.

CER Impianto di Cassino Visita la Mappa

Tipologia

CER

Descrizione

Operazione di

Quantità

recupero/smaltimento

(t/anno)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rifiuti della produzione di materiali compositi

 

 

 

101311

a base di cemento, diversi da quelli di cui alle

 

 

 

 

voci 10 13 09 e 10 13 10

 

 

 

170101

cemento

 

 

 

170102

mattoni

 

 

 

170103

mattonelle e ceramiche

 

 

 

 

miscugli di cemento, mattoni, mattonelle e

 

 

Rifiuti inerti

170107

ceramiche, diversi da quelli di cui alla voce 17

R13-R5

35.000

 

 

01 06

 

 

 

170802

materiali da costruzione a base di gesso,

 

 

 

diversi da quelli di cui alla voce 17 08 01

 

 

 

 

 

 

 

 

rifiuti misti dell'attività di costruzione e

 

 

 

170904

demolizione, diversi da quelli di cui alle voci

 

 

 

 

17 09 01, 17 09 02 e 17 09 03

 

 

 

200301

rifiuti urbani non differenziati

 

 

Conglomerato

170302

miscele bituminose diverse da quelle di cui

R13-R5

35.000

bituminoso

alla voce 17 03 01

 

 

 

 

 

010504

fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per

R13-R5

 

Detriti di

acque dolci

 

 

 

 

300

 

fanghi e rifiuti di perforazione contenenti

 

perforazione

 

 

010507

barite, diversi da quelli delle voci 01 05 05 e

 

 

 

 

 

 

 

01 05 06

 

 

Terre e Rocce

170504

terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce

R13-R5

7.700

da scavo

17 05 03

 

 

 

 

 

010410

polveri e residui affini, diversi da quelli di cui

R13-R5

 

Fanghi e

alla voce 01 03 07 01 04 07

 

 

 

 

 

polveri da

 

 

 

2.000

 

rifiuti prodotti dal taglio e dalla segagione

 

segagione

010413

della pietra, diversi da quelli di cui alla voce

 

 

 

 

01 04 07

 

 

 

 

Totale

 

80.000

CER Impianto di Sant'Elia Fiumerapido Visita la Mappa

Tipologia

CER

Descrizione

Operazione di

Quantità

recupero/smaltimento

(t/anno)

 

 

 

 

 

 

 

 

Terre e Rocce

170504

terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce

R10

-

da scavo

17 05 03

 

 

 

 

Il corretto smaltimento degli inerti in edilizia

In Italia, in conformità con i provvedimenti dell’Unione Europea, l’abbandono o lo smaltimento non corretto degli inerti in edilizia, è considerato un reato perseguibile penalmente. Pertanto è assolutamente vietato utilizzare i cassonetti pubblici o conferirli in discariche non autorizzate.

Oltre alla responsabilità, anche i costi sono a carico di chi produce tali rifiuti, ovvero dell’impresa edile che esegue le opere oppure del soggetto privato che esegue i lavori presso la propria abitazione, in ogni caso quando l’esecuzione dei lavori viene affidata ad una impresa edile, la raccolta e il trasporto devono essere effettuati da ditte specializzate che siano iscritte all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali, l’ente che seleziona, qualifica e controlla le imprese che operano nella gestione dei rifiuti.

L’incarico del trasporto viene affidato compilando un apposito modulo, e se si trasportano grosse quantità di macerie (superiori ai 30 chili al giorno) è necessario anche un formulario di identificazione che consenta la tracciabilità dei rifiuti, nel quale devono essere specificati tutti i dettagli relativi alla loro tipologia e all’origine, nonché i dati identificativi del produttore e del destinatario.